Superbonus srl

  • 145 Viste
  • Ultimo messaggio 22 marzo 2023
diabolic55 pubblicato 09 marzo 2023

Buongiorno, tramite la mia S.r.l. di cui sono amministratore, ho acquistato un immobile all’asta in un condominio in fase di ristrutturazione mediante superbonus. I lavori da eseguire con lo sconto in fattura, sono stati deliberati prima del decreto di trasferimento di cui sono già in possesso, già erano avviati al momento della mia prima visione dell’immobile e non sono ancora terminati. Prima della gara d’asta mi è stato garantito che in caso di aggiudicazione, non avrei dovuto pagare nulla di ciò che era stato deliberato prima del decreto di trasferimento, come in una normale compravendita. L’esecutato in fase di delibera ha sottoscritto oltre ai lavori sulle parti comuni, anche la sostituzione degli infissi e della caldaia all’interno del proprio appartamento. Nel decreto di trasferimento non si fa menzione del passaggio del credito fiscale del superbonus per cui tale credito in teoria passa alla mia S.r.l. sia per quanto riguarda i lavori sulle parti comuni che i lavori all’interno dell’appartamento, mentre il pagamento rimane a carico dell’esecutato che ha deliberato i lavori. Premettendo che una S.r.l. se dovesse sottoscrivere direttamente il contratto con l’impresa, non potrebbe usufruire del credito per lavori all’interno del proprio appartamento, ma solamente del credito per lavori sulle parti comuni, in questo caso particolare in cui il contratto con l’impresa è stato sottoscritto dall’esecutato vorrei sapere: se la fatturazione dei lavori (a costo zero grazie allo sconto in fattura) deliberati prima del decreto di trasferimento, ma eseguiti dopo il decreto di trasferimento, va fatta a nome della mia società oppure a nome dell’esecutato. se il credito fiscale del superbonus passa alla mia società oltre che per quanto riguarda i lavori sulle parti comuni anche per i lavori all’interno dell’appartamento (cioè sostituzione della caldaia e degli infissi) in modo che la mia società a sua volta possa cedere il credito all’impresa per avere lo sconto in fattura, oppure il credito per i lavori all’interno dell’appartamento (se non è trasferibile alla società) rimane automaticamente all’esecutato per cui sarebbe lui a cederlo all’impresa come già sottoscritto, o addirittura il credito per i lavori all’interno dell’appartamento si perde e la mia società è costretta a pagare questi lavori. Se necessita una scrittura privata tra la mia società e l’impresa per la cessione del credito a quest’ultima, nel caso che i crediti passassero alla mia società. L’amministratore condominiale vorrebbe fatturare alla mia società i lavori a costo zero non ancora eseguiti anche se deliberati prima del decreto di trasferimento, ma questo non mi sembra molto corretto dal punto di vista formale anche se non ci sarebbe in ogni caso esborso di denaro, inoltre rimarrebbe ancora più forte il dubbio se la mia società potrebbe usufruire del credito per i lavori all’interno dell’appartamento se questi venissero direttamente fatturati alla mia società. Grazie in anticipo per la risposta e Cordiali saluti.

Ordina per: Standard | Il più nuovo | Voti
marz pubblicato 12 marzo 2023

Per caso le spese per i lavori sono state conteggiate come spese condominiali? In questo caso dovresti pagarle se sono state deliberate nell'anno in corso o in quello precedente alla vendita.

 

Altrimenti non saprei dirti altre info

diabolic55 pubblicato 20 marzo 2023

Buona sera, il problema non è tanto il pagamento ma, posto che la Srl ha diritto solamente al beneficio fiscale riguardante i lavori sulle parti comuni, non so se il beneficio fiscale che riguarda la sostituzione degli infissi e della caldaia che non sono parti comuni, a cui la Srl non ha diritto, rimane all’esecutato o si perde. Se rimane all’esecutato l’impresa dovrebbe fatturare la sostituzione degli infissi della caldaia all’esecutato, anche se tale fattura ha un importo pari a zero perché i lavori vengono fatti con lo sconto in fattura.

diabolic55 pubblicato 22 marzo 2023

Mi spiego meglio siccome i lavori deliberati prima del decreto di trasferimento vengono fatti con lo sconto in fattura, in pratica l’esecutato ha ceduto il proprio credito all’impresa per cui il beneficio fiscale cioè il credito fiscale come può passare all’aggiudicatario? Il problema è che i lavori di sostituzione della caldaia degli infissi non sono stati ancora eseguiti e quindi l’impresa l’impresa può fatturare all’esecutato invece che all’aggiudicatario? In teoria i lavori deliberati prima del decreto di trasferimento dovrebbero essere pagati dall’esecutato mentre l’aggiudicatario è obbligato in solido a pagare i lavori deliberati nell’anno in corso e in quello precedente il decreto di trasferimento, ma l’impresa può scegliere a chi fatturare?

Close