Sanatoria regolarizzazione e ripristino per immobile aggiudicato all'asta

  • 120 Viste
  • Ultimo messaggio 02 dicembre 2022
rosavisone84 pubblicato 07 novembre 2022

Buonasera,

mi sono aggiudicata un immobile all'asta ma il consulente che mi ha supportata nel caso non mi aveva informata che c'erano delle criticità riguardo l'immobile stesso, che sono poi emerse quando ho fatto richiesta di mutuo.

Nello specifico dalla perizia del tribunale si evince un ampliamento da ripristinare (l'immobile era in fase di ristrutturazione quindi l'ho aggiudicato nello stato dei fatti senza pavimento e senza infissi) e costi di costruzione dell'immobile mai pagati al comune, pertanto occorrerebbe regolarizzare il tutto.

La mia domanda è:

- cosa occorre per sanare il tutto (condono, scia,cila...)

- se gli interventi di regolarizzazione e ripristino possono essere richiesti e sanati prima di ottenere il decreto di trasferimento (in modo che io possa richiedere il mutuo)

Sono davvero in alto mare e ho paura di non sapere affrontare la situazione con il rischio di perdere la cauzione e di rimetterci eventuali costi di differenza qualora l'immobile tornasse all'asta aggiudicato ad un prezzo inferiore rispetto a quello da me aggiudicato.

Confido in un vostro gentile riscontro a stretto giro.

Ordina per: Standard | Il più nuovo | Voti
karim pubblicato 02 dicembre 2022

Anch'io sono nella tua stessa situazione. Sei riuscito a risolvere?

niellopo pubblicato 02 dicembre 2022

Non è possibile intervenire sull'immobile prima della consegna, che avviene dopo la trascrizione del decreto di trasferimento, che avviene dopo il saldo dell'immobile (dovete comprarlo nello stato di fatto e di diritto in cui si trova - così com'è - visto e piaciuto).

La perizia dovrebbe già fornire una stima dei costi e delle procedure per sanare l'immobile, ma conviene sempre mostrarla ad un tecnico di fiducia.

Close