Ricorso dopo aggiudicazione asta e saldo prezzo

  • 84 Viste
  • Ultimo messaggio 10 settembre 2021
arsaba43 pubblicato 08 settembre 2021

Salve,

ho partecipato e mi sono aggiudicato in data 10 Luglio un'asta telematica sincrona senza incanto. L'asta era la prima e sono stato l'unico offerente, offrendo il minimo in relazione alla base d'asta. Lo stesso giorno è arrivato il ricorso da parte del legale dell'esecutato, il quale sostiene che il prezzo di base d'asta è troppo più basso rispetto al reale valore dell'immobile. Tutte le contestazioni, peraltro tutte rigettate, erano già state fatte al CTU e riportate all'interno della perizia.

Premesso questo, poichè devo predisporre il saldo prezzo, mi chiedo se sia possibile che il giudice possa accogliere il ricorso basato su concetti già ampiamente discussi e a distanza di quasi 2 mesi, con il rischio di trovarmi esposto per l'intera somma?

In attesa di una vostra gradita risposta, colgo l'occasione per porgere distinti saluti

Ordina per: Standard | Il più nuovo | Voti
robertomartignone pubblicato 08 settembre 2021

Perchè semplicemente perderebbe la cauzione ma soprattutto rischia i pagamento tra il prezzo di aggiudicazione del nuovo esperimento di vendita e il prezzo a cui si era aggiudicato l ' immobile . 

maurolazzerini pubblicato 08 settembre 2021

Se è, come di norma, a 120 giorni, il saldo prezzo dovrebbe avere come termine ultimo una data intorno al 10 novembre.

Prima di quella data il Giudice dovrà pur decidere qualcosa. Nel frattempo il delegato sarà tenuto, credo, a tenere informato l'aggiudicatario sull'evolversi della situazione.

Mi sembra comunque che il ricorso dell'esecutato sia destinato al fallimento, almeno sulla base del racconto dei fatti.

astalegale pubblicato 09 settembre 2021

Anche a nostro avviso il ricorso dell'esecutato è destinato al fallimento.

Preliminarmente in ragione del fatto che esso è inammissibile, poichè andava promosso nel termine di 20 giorni (come previstodall'art. 617 cpc) decorrenti dall'ordinanza di vendita.

arsaba43 pubblicato 09 settembre 2021

Grazie delle vostre risposte.

Cosa mi consigliate a questo punto, di provvedere al saldo prezzo subito in modo da sottoporre quanto prima alla firma del giudice il decreto di trasferimento oppure attendere altri giorni (visto che ho tempo fino al 9 Novembre per effettuare il saldo prezzo) per vedere cosa deciderà il giudice e non trovarmi esposto per l'intera somma?

robertomartignone pubblicato 09 settembre 2021

Dipende da Lei , versare deve versare ...lo faccia nei tempi piu' opportuni per Lei , certo che prima salda prima accelera la pratica .

A questo punto potrebbe persino fare istanza al GE esponendo le sue perplessità paralndone prima con il delegato .

astalegale pubblicato 10 settembre 2021

Se il ricorso venisse accolto il decreto di trasferimento sarebbe revocato. Per questa ragione prudenza suggerirebbe di attendere. Tuttavia, come detto dal tenore della domanda ci pare di capire che l'opponente abbia scarse possibilità di successo.

Close