oneri dell'aggiudicatario

  • 45 Viste
  • Ultimo messaggio 27 gennaio 2020
eugenio pubblicato 23 gennaio 2020

buonasera,sono nuovo nel forum e avrei subito un quesito da porvi

Qual'ora mi aggiudicassi un'immobile all'asta e successivamente mettessi la residenza di tipo B (seconda casa) potrei anche rivenderla subito? se si qualisarebbero tutte le spese che dovrei sostenere? (es. notaio,legali,architetto per eventuale ristrutturazione parziale dell'immobile,imposta plusvalenza,ecc..) Grazie in anticipo

 

astalegale pubblicato 27 gennaio 2020

Per rispondere alla domanda formulata riteniamo sia necessario premettere che ai sensi dell’art. 68 D.P.R. 22/12/1986, n. 917 (Testo unico delle imposte sui redditi), come modificato dall'art. 37, comma 39, D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla L. 4 agosto 2006, n. 248, “Le plusvalenze di cui alle lettere a) e b) del comma 1 dell'articolo 67 sono costituite dalla differenza tra i corrispettivi percepiti nel periodo di imposta e il prezzo di acquisto o il costo di costruzione del bene ceduto, aumentato di ogni altro costo inerente al bene medesimo. Per gli immobili di cui alla lettera b) del comma 1 dell'articolo 67 acquisiti per donazione si assume come prezzo di acquisto o costo di costruzione quello sostenuto dal donante”.

Questa plusvalenza (ossia la differenza tra costo di acquisto e costo di rivendita) costituisce reddito e può essere tassata in due modi.

La prima modalità è quella per cui essa viene portata in dichiarazione, come tutti i redditi.

La seconda è prevista dall’art. 1, comma 496 l. L. 23/12/2005, n. 266 (modificato prima dal comma 21 dell'art. 2, D.L. 3 ottobre 2006, n. 262, come modificato dalla relativa legge di conversione, e poi dal comma 310 dell'art. 1, L. 27 dicembre 2006, n. 296), il quale prevede che “In caso di cessioni a titolo oneroso di beni immobili acquistati o costruiti da non più di cinque anni, all'atto della cessione e su richiesta della parte venditrice resa al notaio, in deroga alla disciplina di cui all'articolo 67, comma 1, lettera b), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, sulle plusvalenze realizzate si applica un'imposta, sostituiva dell'imposta sul reddito, del 20 per cento. A seguito della richiesta, il notaio provvede anche all'applicazione e al versamento dell'imposta sostitutiva della plusvalenza di cui al precedente periodo, ricevendo la provvista dal cedente. Il notaio comunica altresì all'Agenzia delle entrate i dati relativi alle cessioni di cui al primo periodo, secondo le modalità stabilite con provvedimento del direttore della predetta Agenzia”.

Close