Mutuo negativo

  • 117 Viste
  • Ultimo messaggio 03 novembre 2019
loche.mariagiovanna pubblicato 29 ottobre 2019

Buongiorno ho bisogno di una risposta urgente..mi è stato negato a soli 10 giorni dalla scadenza del saldo prezzo, dopo che tutto in banca era risultato positivo.. all’ultimo step quando già avevo l’appuntamento con il notaio mi è stato detto che sarebbe stato impossibile l’ erogazione del mutuo per l’acquisto di una casa all’asta di mio padre!!!vi risulta?Ormai non ho più tempo per chiedere un altro mutuo in un’altra banca quindi dovrò perdere tutto per questo motivo!!! è possibile che mi venga negato per questo motivo??

Ordina per: Standard | Il più nuovo | Voti
astalegale pubblicato 03 novembre 2019

grazie a lei

loche.mariagiovanna pubblicato 31 ottobre 2019

Vi ringrazio della pronta e chiara risposta.

astalegale pubblicato 30 ottobre 2019

Probabilmente la banca le ha rifiutato il mutuo in quanto ritiene che tra lei e suo padre vi sia una interposizione fittizia.

Invero, ai sensi degli artt. 571 e 579 c.p.c. ognuno, tranne il debitore, è ammesso ad offrire per l’acquisto dell’immobile pignorato. La banca, evidentemente, pensa allora che lei figuri come acquirente solo per aggirare il divieto normativo appena esposto.

Quanto al versamento rateale, il terzo comma dell’art. 569 c.p.c. prevede che “Quando ricorrono giustificati motivi, il giudice dell’esecuzione può disporre che il versamento del prezzo abbia luogo ratealmente ed entro un termine non superiore a dodici mesi". Si tratta di una possibilità introdotta dal d.l. 27 giugno 2015, n. 83, convertito con l. 6 agosto 2015, n. 132.

La locuzione “giustificati motivi” è stata oggetto di discussione.

Secondo una prima tesi i giustificati motivi sono quelli addotti dallo stesso offerente e dunque attengono alla sfera personale di quest’ultimo, con la conseguenza che l’ordinanza di vendita dovrà limitarsi a prevedere questa possibilità, e che i giustificati motivi dell’offerente che intenda versare il saldo prezzo a rate saranno valutati dal Giudice all’esito dell’aggiudicazione e prima del versamento del saldo prezzo.

Altra opinione, a nostro avviso maggiormente condivisibile, sostiene che i giustificati motivi attengono non alla persona dell’offerente ma alla realtà socioeconomica in cui si svolge la vendita, ovvero ancora all’ingente valore dell’immobile; ergo, gli stessi devono essere valutati a monte in sede di adozione dell’ordinanza di vendita per decidere in quel momento se riconoscere o meno il beneficio.

A nostro avviso, dunque, il versamento rateale del saldo prezzo è ammissibile se esso è previsto a monte nell’ordinanza di vendita, dovendosi ritenersi escluso nel caso contrario.

Ovviamente si tratta di una nostra interpretazione, e nulla esclude che il Giudice, per ragioni di opportunità, possa accogliere una istanza di versamento rateale del prezzo pur non avendolo previsto ab origine.

In definitiva, il suggerimento che ci sentiamo di offrire è quello di chiedere una proroga del termine per il versamento del saldo o in subordine un pagamento rateale.

 

loche.mariagiovanna pubblicato 29 ottobre 2019

Sempre nel vostro forum ho letto che c’è la possibilità di chiedere una proroga o pagamento rateizzato in un anno. Ho capito bene?

Close