Imposte e tasse su aggiudicazione C\1

  • 28 Viste
  • Ultimo messaggio 3 giorni fa
marco66 pubblicato 6 giorni fa

Buongiorno

parteciperò ad un asta per fallimento di un immobile categoria c\1 rendita catastale € 2472 , importo presunto 39.000 . quali saranno i costi delle imposte e tasse ?

grazie

Ordina per: Standard | Il più nuovo | Voti
astalegale pubblicato 3 giorni fa

Per rispondere all'interrogativo posto occorrerebbe in primo luogo sapere se l'immobile è soggetto o meno ad IVA (questa informazione le può e deve essere fornita dal curatore)

Se fosse soggetto ad iva, si applicherà un'aliquota del 22 o del 10% (a seconda del tipo di immobile, ed anche in questo caso il curatore ha il dovere di evidenziarlo).

A questa va aggiunta una imposta di registro di €. 200,00 (sensi 40, comma 1 TUR della nota all’art. 1 della tariffa)

imposta ipotecaria del 3% (con un minimo di 200), ai sensi dell’art. 1-bis della tariffa allegata al d.lgs 347/1990 (se si fosse trattato di un trasferimento soggetto ad iva ma diverso da quelli di cui all’ art. 10, comma primo, n. 8-ter d.P.R. 633/1972 avremmo applicato una imposta ipotecaria nella misura fissa di €. 200,00 a mente della nota all’art. 1 della tariffa allegata al d.lgs 347/1990)

una imposta catastale proporzionaledell’1% (con un minimo di 200 euro) ai sensi dell’art. 10, comma 1 del citato d.lgs 347/1990

Bollo: 230

tassa ipotecaria 35, tassa catastale 55 (ai sensi dell’art. 19 d.lgs 347/1990 e dei punti 1.1 ed 1.2 della tabella relativa).

Se il trasferimento non fosse soggetto ad iva, esso sconterà una imposta di registro nella misura del 9% ai sensi dell’art. 1, comma 1 della tariffa del TUR (Testo unico dell’imposta di registro) approvato con d.lgs 26.4.1986, n. 131. L’imposta di registro, comunque, ai sensi dell’art. 10, comma 2, D.Lgs. 14/03/2011, n. 23, non può essere inferiore all’importo di €. 1.000,00 (detta previsione si applica per tutti i trasferimenti immobiliari, come si ricava dalla previsione appena richiamata). Infine, ai sensi del comma 3 del citato art. 10, l’atto di trasferimento è soggetto alle imposte ipotecarie e catastali nella misura di €. 50,00 ciascuno.

marco66 pubblicato 3 giorni fa

Grazie per la risposta, avevo chiesto anche allo studio notarile designato che mi ha risposto come segue :

"Buongiorno, relativamente alle Sue richieste , poichè la procedura non opta per l'IVA, trattandosi di trasferimento di un negozio ad un soggetto privato, questo sconterà l'imposta di registro fissa di Euro 200,00, l'imposta ipotecaria al 3% e l'imposta catastale all'1% sul prezzo di aggiudicazione, oltre tassa d'archivio e contributo CNN (che calcolati ad oggi sul prezzo base d'asta di Euro 38.000,00) ammontano ad Euro 212,00, oltre onorario per Euro 1.000,00 oltre IVA.

L'aggiudicatario-acquirente dovrà altresì corrispondere, come indicato nell'avviso di vendita, Euro 100,00 + IVA per diritti di accesso alla RAN ed Euro 600,00 + IVA per redazione verbale d'asta.

Rimango a sua disposizione, inviando cordiali saluti."

 

Close