Buongiorno,

vorrei porre due quesiti in relazione al caso in cui l'immobile abitativo pignorato non sia abitato dal debitore, che ha trasferito la residenza altrove.

1. Se il custode si dovesse accorgere, in fase di sopralluogo, che qualcuno è entrato nell'immobile, quale sarebbe il modo più corretto di procedere?

2. Nel caso in cui il debitore volesse accedere all'immobile per asportare beni mobili presenti al suo interno di sua proprietà e contattasse a tale fine il custode, questi potrebbe procedere ad accompagnare il debitore nell'abitazione o dovrebbe preventivamente informare e chiedere l'autorizzazione al g.e.?

Grazie