Costo imposta di registro ipotecaria e catastale 2019 e aliquote, calcolo tasse per chi acquista

  • 1,4K Viste
  • Ultimo messaggio 22 gennaio 2019
n363f pubblicato 17 gennaio 2019

Ciao a tutti,

sto cercando la vostra esperienza su cosa aspettarsi come spese aggiuntive in aggiunta al prezzo di acquisto di un immobile commerciale. Ecco la mia situazione:

  • Sono un cittadino dell'UE privato.
  • Ho accuired la suddetta proprietà attraverso un'asta giudiziaria.
  • È la mia prima e unica proprietà in Italia fino ad ora.
  • Non ho intenzione di rivenderlo nel prossimo futuro.
  • C'è un noleggiatore che continuerà a tenere in affitto il negozio.

Sono consapevole di dover pagare le imposte di registrazione e compenso ausiliario, ma come calcolarli, qual è la regola rilevante per la mia situazione? Sto dimenticando qualcosa?

Apprezzerò molto le risposte con un riferimento alla legge / regola in questione. Nel caso in cui mi sto dimenticando di informazioni vitali per favore fatemelo sapere. Grazie mille in anticipo.

Ordina per: Standard | Il più nuovo | Voti
astalegale pubblicato 19 gennaio 2019

Le spese che gravano sull’acquirente sono le seguenti.

In primo luogo va considerato il compenso spettante la professionista delegato ai sensi dell’art. 2, comma 4, del D.M. 15.10.2015, N. 227, a mente del quale “Al professionista delegato spetta un rimborso forfettario delle spese generali in misura pari al 10 per cento dell'importo del compenso determinato a norma del presente articolo, nonché il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate”.

Dette spese (al netto dell’IVA, pari al 22% e del CAP, pari al 4 %), saranno, a seconda del prezzo di aggiudicazione, le seguenti:

quando il prezzo di aggiudicazione è pari o inferiore a euro 100.000, il costo del compenso a carico dell’aggiudicatario, (comprensivo delle spese generali) è pari ad €. 550,00;

quando il prezzo di aggiudicazione o il valore di assegnazione è superiore a euro 100.000 e pari o inferiore a euro 500.000 il costo del compenso a carico dell’aggiudicatario (comprensivo delle spese generali) è pari ad  €. 825,00;

quando il prezzo di aggiudicazione o il valore di assegnazione è superiore a euro 500.000 il costo del compenso a carico dell’aggiudicatario (comprensivo delle spese generali) è pari ad €. 1.100,00

A questo importo va aggiunta l’imposta di registro.

Essa, quando non ricorrono i benefici prima casa, si applica nella misura del 9% ai sensi dell’art. 1, comma 1 della tariffa del TUR (Testo unico dell’imposta di registro) approvato con dpr 26.4.1986, n. 131.

La base imponibile è data dal prezzo di aggiudicazione.

Tuttavia, ai sensi del combinato disposto dell’art. 52, comma 4, 5 e 5b del TUR e dell’art. 1, comma 497 L. 23/12/2005, n. 266, modificato prima dal comma 21 dell'art. 35, D.L. 4 luglio 2006, n. 223 e poi dal comma 309 dell'art. 1, L. 27 dicembre 2006, n. 296, per le sole cessioni nei confronti di persone fisiche che non agiscano nell'esercizio di attività commerciali, artistiche o professionali, aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e relative pertinenze, la base imponibile è determinata dalla minor somma a tra prezzo di aggiudicazione e rendita catastale rivalutata (del 5%) e moltiplicata per 120; l’imposta di registro, comunque, ai sensi dell’art. 10, comma 2, D.Lgs. 14/03/2011, n. 23, non può essere inferiore all’importo di €. 1.000,00 (detta previsione si applica per tutti i trasferimenti immobiliari, come si ricava dalla previsione appena richiamata).

Infine, ai sensi del comma 3 del citato art. 10, l’atto di trasferimento è soggetto alle imposte ipotecarie e catastali nella misura di €. 50,00 ciascuno.

Infine, alcuni tribunali, pongono a carico dell'acquirente le spese di cancellazione delle formalità pregiudizievoli (essenzialmente pignoramenti e ipoteche) gravanti sull'immobile.

n363f pubblicato 19 gennaio 2019

@astalegale Grazie mille per la risposta dettagliata e completa. In attesa di una risposta, ho ricevuto un'e-mail dal notaio per il saldo rimanente. Non vedo l'ora di leggere il tuo commento e spero che il mio post possa aiutare anche gli altri.

 

Tenendo presente che  il prezzo di aggiudicazione è inferiore a euro 100.000, ecco quello che ho ricevuto come fattura dettagliata.

 

IMPOSTE DI REGISTRAZIONE:

  • TASSA DI REGISTRO - tariffa fissa di euro 200 
  • TASSA IPOTECARIA 3% del prezzo di aggiudicazione
  • TASSA CATASTALE FISSA 1% prezzo di aggiudicazione
  • IVA

 

COMPENSO AUSILIARIO:

  • QUOTA del 50% del COMPENSO dell'AUSILIARIO comprensivo di c.p.a se dovuta e di i.v.a.
  • TASSA IPOTECARIA ED IMPOSTA DI BOLLO
  • ANTICIPATE DALLO SCRIVENTE AUSILIARIO
  • 100 % delle ANTICIPAZIONI sostenute dall'AUSILIARIO per l'esecuzione delle formalità di registrazione, trascrizione e voltura catastale

 

astalegale pubblicato 22 gennaio 2019

La risposta dell'ausiliario ci sembra corretta. Probabilmente però si tratta di un immobile soggetto ad IVA per cui andrà pagata anche questa imposta.

Close