cittadino

  • 22 Viste
  • Ultimo messaggio 2 settimane fa
rosa pubblicato 2 settimane fa

Buongiorno,

ho partecipato ad un'asta a marzo, eravamo in due io e la moglie del debitore, la casa è stata aggiudicata da loro.

se entro i 120 giorni non pagano, posso aggiudicarmela io allo stesso prezzo di aggiudicazione? visto che anchio ho partecipato all'asta.

 

Ordina per: Standard | Il più nuovo | Voti
astalegale pubblicato 2 settimane fa

La domanda, pur semplice, richiede una risposta articolata.

essa è figlia della più ampia questione relativa alle conseguenze del mancato versamento del saldo prezzo.

 

astalegale pubblicato 2 settimane fa

 

Il problema si pone in termini peculiari in sede di vendita senza incanto, in quanto l’art. 574 ultimo comma contiene un generico rinvio all’art. 587, ai sensi del quale nel caso in cui il prezzo non è depositato nel termine previsto, si verifica la decadenza dell’aggiudicatario, con perdita della cauzione e celebrazione di un nuovo incanto. Ci si chiede allora se alla decadenza dell’aggiudicatario debba seguire la vendita con incanto, come disposto dall’art. 587 c.p.c. cui rinvia l’art. 574 c.p.c. o se il rinvio debba intendersi limitato agli effetti del mancato versamento del prezzo (decadenza dell’aggiudicazione e perdita della cauzione), e non anche alle modalità di celebrazione della nuova vendita. La soluzione preferibile sembra essere la seconda – e quindi la vendita dovrà nuovamente celebrarsi con il sistema senza incanto - sulla base della considerazione per cui l’art. 587 prevede un nuovo incanto per la semplice ragione che la norma si colloca nel paragrafo relativo alla vendita con incanto. A questo va poi aggiunto che comunque la riforma del 2005 è fortemente ispirata dalla esigenza di incentivare il sistema di vendita senza incanto.

Dunque, riepilogando, ove l’aggiudicatario non adempia all’obbligazione del pagamento del prezzo si produrranno le seguenti conseguenze: l’aggiudicatario verrà dichiarato decaduto; il professionista delegato incamererà la cauzione versata; dovrà essere celebrata una nuova vendita che si svolgerà con il sistema senza incanto, se l’aggiudicazione era avvenuta in sede di vendita senza incanto, oppure con il sistema dell’incanto in caso di decadenza dell’aggiudicatario divenuto tale in sede di incanto.

Infine deve essere considerata la previsione di cui all’art. 177 disp. att. c.p.c., secondo la quale l’aggiudicatario inadempiente è condannato al pagamento di una somma pari alla differenza tra il prezzo da lui offerto, dedotta la cauzione versata, e quello minore per il quale è avvenuta la vendita. In questi casi, ai fini dell’adozione del provvedimento di condanna, il professionista delegato comunicherà al Giudice dell’esecuzione i dati necessari a determinare l’esatto importo da indicare in decreto. È bene osservare che a seguito della condanna l’inadempiente non deve essere chiamato a versare alla procedura la somma, in quanto il decreto costituisce titolo esecutivo che può essere azionato – evidentemente in una diversa e nuova procedura -, dai creditori che siano rimasti in tutto o in parte insoddisfatti.

È lecito domandarsi se, dichiarato decaduto l’aggiudicatario inadempiente, sia praticabile la strada di aggiudicare il bene al secondo miglior offerente.

Per rispondere alla domanda occorre muovere dalla lettura del combinato disposto degli artt. 581, comma quarto, e 587 c.p.c.. La prima norma dispone che ogni offerente cessa di essere tenuto per la sua offerta quando essa è superata da un’altra, anche se poi questa è dichiarata nulla; la seconda prevede che qualora l’aggiudicatario non versi il prezzo nel termine stabilito, il Giudice ne dichiara la decadenza, trattenendo la cauzione e disponendo un nuovo incanto.

È chiaro allora che l’offerta al secondo miglior offerente non sarebbe possibile sia perché l’art. 587 prevede espressamente la celebrazione di un nuovo tentativo di vendita quale conseguenza della decadenza dell’aggiudicatario, sia perché l’offerta superata non vincola più l’offerente, il quale è perciò legittimato a ritenere di non essere più tenuto al versamento del saldo, nemmeno subordinatamente al fatto, del tutto futuro, eventuale e subordinato alla mera determinazione volitiva dell’aggiudicatario, del mancato versamento del saldo prezzo.

Close