Cancellazione Ipoteca

  • 13 Viste
  • Ultimo messaggio 2 giorni fa
nick pubblicato 4 giorni fa

Vorrei partecipare ad un'asta per acquisto di un immobile pignorato, vorrei rivolgere alla redazione 2 domande:

1) Ho il sopetto che l'importo del mutuo residuo possa essere inferiore all'offerta minima richiesta, questo è possibile? e nel caso come sarà possibile cancellare l'ipoteca se la banca non riceve l'importo dovuto? in pratica come viene distribuito il ricavato tra i creditori ovvero ci sono altri debiti legati al bene che graveranno sull'aggiudicatario?

2) L'immobile è occupato, che garanzie ho per la sua liberazione ( non so se nell'immobile vivono dei minori)

Grazie

Nicola

 

Ordina per: Standard | Il più nuovo | Voti
nick pubblicato 4 giorni fa

1) Ho il sopetto che l'importo del mutuo residuo possa essere SUPERIORE all'offerta minima richiesta, questo è possibile? e nel caso come sarà possibile cancellare l'ipoteca se la banca non riceve l'importo dovuto? in pratica come viene distribuito il ricavato tra i creditori ovvero ci sono altri debiti legati al bene che graveranno sull'aggiudicatario?

astalegale pubblicato 2 giorni fa

L'ipoteca iscritta sul bene verrà cancellata e l'acquirente non subentra nel contratto di mutuo.

Questa affermazione si ricava dalla lettura dell’art. 586 c.p.c., a mente del quale il Giudice, con il decreto di trasferimento, ordina la cancellazione delle “trascrizioni dei pignoramenti e le iscrizioni ipotecarie, se queste ultime non si riferiscono ad obbligazioni assuntesi dall'aggiudicatario a norma dell'articolo 508. Il giudice con il decreto ordina anche la cancellazione delle trascrizioni dei pignoramenti e delle iscrizioni ipotecarie successive alla trascrizione del pignoramento.

Si tratta, del così detto “effetto purgativo” del decreto di trasferimento, volto ad assicurare all’acquirente l’acquisto di un bene libero da gravami.

Da questa previsione si ricava agevolmente che il decreto di trasferimento deve contenere l’ordine, impartito al Direttore dell’ufficio del Territorio, di cancellare le formalità pregiudizievoli gravanti sul bene, vale a dire:

-          le trascrizioni dei pignoramenti, anche successive alla trascrizione del pignoramento;

-          le iscrizioni ipotecarie, anche successive alla trascrizione del pignoramento;

-          le trascrizioni di sequestri conservativi disposte ex art. 679 c.p.c., anche successive alla trascrizione del pignoramento;

Quanto ai pignoramenti successivi, in realtà in linea di principio il problema neppure dovrebbe porsi in quanto ai sensi dell'art. 561, comma 2, c.p.c., il pignoramento successivo andrebbe riunito al primo in una medesima procedura.

Tuttavia, proprio per far fronte ai casi in cui questo non sia avvenuto, l'art. 586 c.p.c., nel testo novellato dalla l. 14.5.2005, n. 80, prescrive che il decreto di trasferimento contenga "anche" l'ordine di cancellazione delle trascrizioni dei pignoramenti e delle ipoteche successive alla trascrizione del pignoramento. Ovviamente, ove la riunione non sia avvenuta, di questo dovrà assolutamente tenersi conto, al fine di evitare che lo stesso bene venga venduto due volte in separate procedure esecutive.

Quanto appena detto vale anche per l'ipoteca, a proposito della quale si osservi che essa è comunque inopponibile all'acquirente ai sensi dell'art. 2919 c.c. e dunque l'omessa cancellazione della stessa è insuscettibile di creargli pregiudizio alcuno. Sennonché, il chiaro tenore letterale dell'art. 586 c.p.c. sopra citato, ed il fatto che essa, persistendo nei registri immobiliari, può generare dubbi e contestazioni, determinano la necessità che si proceda alla sua cancellazione.

A proposito della presenza dei minori, osserviamo che in linea di principio questo dato non può impedire la liberazione dell’immobile. A tal fine, colui il quale è incaricato della liberazione (ufficiale giudiziario o custode), ove riscontri la presenza di minori, potrà rinviare ad altra data l’accesso, allertando preventivamente i servizi sociali del comune nel quale si trova l’immobile.

A questo proposito è bene ricordare che ai sensi dell’art. 128 d.lgs 31.3.1998, per servizi sociali “si intendono tutte le attività relative alla predisposizione ed erogazione di servizi, gratuiti ed a pagamento, o di prestazioni economiche destinate a rimuovere e superare le situazioni di bisogno e di difficoltà che la persona umana incontra nel corso della sua vita, escluse soltanto quelle assicurate dal sistema previdenziale e da quello sanitario, nonché quelle assicurate in sede di amministrazione della giustizia, e che ai sensi del successivo art. 132, sono trasferite ai comuni i servizi sociali relativi a:

a) i minori, inclusi i minori a rischio di attività criminose;

b) i giovani;

c) gli anziani;

d) la famiglia;

e) i portatori di handicap, i non vedenti e gli audiolesi;

f) i tossicodipendenti e alcooldipendenti;

g) gli invalidi civili.

 

 

 

Close