ARREDAMENTO

  • 67 Viste
  • Ultimo messaggio 16 febbraio 2018
albertino1 pubblicato 13 febbraio 2018

Buongiorno volevo chiedere la procedura per lo sgombero dell'arredamento esistente presso immobile aggiudicato in asta,tenendo presente l'irreperebilità del precedente proprietario pignorato.

Grazie.

astalegale pubblicato 16 febbraio 2018

La risposta alla domanda formulata si ricava, a nostro avviso, dalla lettura del quarto comma dell’art. 560 c.p.c., il quale dopo aver stabilito che la liberazione dell’immobile avviene a cura del custode, secondo del disposizioni del codice di procedura civile, anche dopo l’emissione del decreto di trasferimento, a meno che l’aggiudicatario non lo esenti, prosegue affermando che “Quando nell’immobile si trovano beni mobili che non debbono essere consegnati, ovvero documenti inerenti lo svolgimento di attività imprenditoriale o professionale, il custode intima alla parte tenuta al rilascio ovvero al soggetto al quale gli stessi risultano appartenere di asportarli, assegnandogli il relativo termine, non inferiore a trenta giorni, salvi i casi d’urgenza. Dell’intimazione si dà atto a verbale ovvero, se il soggetto intimato non è presente, mediante atto notificato dal custode. Qualora l’asporto non sia eseguito entro il termine, i beni o documenti sono considerati abbandonati e il custode, salvo diversa disposizione del giudice dell’esecuzione, ne dispone lo smaltimento o la distruzione”.

Pertanto, anche in caso di irreperibilità del destinatario, il custode gli invierà comunque formali diffida, all’ultima residenza nota, e decorsi 30 giorni dalla medesima provvederà, salvo diversa disposizione del Giudice, allo smaltimento o distruzione dei mobili non ritirati dal proprietario.

Close