Accesso all'immobile aggiudicato per perizia banca

  • 280 Viste
  • Ultimo messaggio 15 gennaio 2018
vincenzo973 pubblicato 11 gennaio 2018

Buonasera,

mi sono aggiudicato un immobile a metà novembre e dopo 40 giorni la banca a deciso di accogliere la mia domanda di mutuo. Verso la fine di dicembre mi ha contattato il perito della banca, a cui avevo dato il cellulare del custode giudiziario (con cui avevo visitato l'immobile prima dell'asta), dicendomi che lo stesso non rispondeva al tcellulare. Il 3 di gennaio finalmente ha risposto al perito dicendgli che lo avrebbe richiamato per fissare un appuntamento al fine di consentirgli la perizia. Orbene ad oggi non è stato ancora contattato x fissare la data.

Dato che sono passati quasi 2 mesi e me ne restato altrettanti prima della scadenza fissata dal giudice per il saldo del prezzo (120 giorni), Vi chiedo se è corretto che il custode giudiziario non dia la possibilità al perito di accedere all'immobile.

Allo stesso tempo sto pensando seriamente di contattare il Giudice dell'esecuzione per informarlo dei fatti.

Cosa ne pensate voi? Volete per cortesia consigliarmi su come procedere?

Grazie

 

Ordina per: Standard | Il più nuovo | Voti
hsh1 pubblicato 12 gennaio 2018

Premesso che non sono un'esperta: ti consiglio di ritelefonare pensando in buona fede ad una dimenticanza. Nel caso in cui non ti rispondesse o non fissasse l'appuntamento, chiediglielo via raccomandata in modo che il tutto sia tracciabile. Io sto seguendo lo stesso iter e il custode non sta facendo nessun problema per la visita del perito! Ti dirò di più, lo avevamo avvertito poco prima delle feste che sarebbe stato chiamato dal perito, e siccome il 9 gennaio non aveva ancora avuto notizie dal perito ci ha avvisato! Penso quindi che sia suo compito!

astalegale pubblicato 14 gennaio 2018

Alla domanda formulata riteniamo di poter rispondere osservando che il custode (che ai sensi del quarto comma dell'articolo 559 deve essere individuato in una persona diversa dal debitore nel momento in cui il giudice dispone la vendita) deve consentire l'accesso all'immobile.

Ai sensi dell'articolo 560 ultimo comma c.p.c., il custode provvede alla amministrazione e gestione dell'immobile pignorato; tali attività, ai sensi dell'articolo 67 c.p.c. e devono essere esercitate con la diligenza del buon padre di famiglia, la cui inosservanza obbliga il custode al risarcimento del danno cagionato le parti.

Costituiscono principi generale dell’ordinamento quelli secondo cui le obbligazioni debbono essere adempiute secondo buona fede (art. 1375 c.c.) e con la diligenza del buon padre di famiglia (art. 1176 c.c.).

La buona fede rappresenta uno dei principi portanti dell’ordinamento, principio qualificato in dottrina come principio di ordine pubblico.

Nell’adempimento delle obbligazioni (di tutte le obbligazioni, indipendentemente dalla fonte legale o negoziale delle stesse) la buona fede si impone quale obbligo di salvaguardia, prescrivendo alle parti di agire in modo da preservare integri gli interessi dell’altra. Questo impegno di solidarietà, che si proietta al di là di quanto specificatamente previsto nel contratto (o nella legge), trova un limite nell’interesse del soggetto che è chiamato ad adempiere. Questi, cioè, è tenuto a far salvo l’interesse altrui ma non fino al punto di subire un apprezzabile sacrificio, personale o economico.

In questi termini si è detto che la buona fede identifica l’obbligo di ciascuna parte di salvaguardare l’utilità dell’altra nei limiti in cui ciò non comporti un apprezzabile sacrificio.

La stessa giurisprudenza della Corte di Cassazione, ha fatto propri questi concetti, affermando che “L'obbligo di buona fede oggettiva o correttezza costituisce un autonomo dovere giuridico, espressione di un generale principio di solidarietà sociale, applicabile in ambito contrattuale ed extracontrattuale, che impone di mantenere, nei rapporti della vita di relazione, un comportamento leale (specificantesi in obblighi di informazione e di avviso) nonché volto alla salvaguardia dell'utilità altrui, nei limiti dell'apprezzabile sacrificio” (Cass. Sez. 3, n. 3462 del 15/02/2007).

 

Traslando questi concetti al caso di specie, riteniamo che, in base al principio di buona fede, il custode abbia l’obbligo di consentire l’accesso.

vincenzo973 pubblicato 14 gennaio 2018

Grazie Team Astalegale.

vincenzo973 pubblicato 14 gennaio 2018

Grazie Team Astalegale.

vincenzo973 pubblicato 14 gennaio 2018

Grazie Team Astalegale.

astalegale pubblicato 15 gennaio 2018

grazie a lei

Close